Nessuno resti indietro. Papa Francesco, la dignità del lavoro e l'inclusione sociale

Nessuno resti indietro. Papa Francesco, la dignità del lavoro e l'inclusione sociale

di Roberto Alborghetti

È sempre tra le strade, le piazze e i quartieri della grande metropoli argentina che Jorge Mario Bergoglio delinea già le linee portanti di quella che, con un neologismo anglosassone, è definita "Francisnomics", ossia un modello di sviluppo economico, sociale e culturale che, attraverso "il lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale" - come disse ancora alle Acli possa portare l'essere umano ad esprimere e ad accrescere la dignità della propria vita. Impossibile capire questo Papa, se non si parte proprio da dove egli è vissuto e da dove egli è partito, "preso quasi alla fine del mondo": la prima frase pronunciata appena si è presentato al mondo come Francesco, la sera del 13 marzo 2013.

E non era un modo di dire.