Pasquale Lembo: metto Grecia e Italia insieme a tavola

Pasquale Lembo: metto Grecia e Italia insieme a tavola

Pasquale Lembo

Pugliese, laureato in ingegneria. Negli anni Novanta il colpo di fulmine: per la cucina; e per una ragazza greca. Gestisce il ristorante italiano ‘Mare e Monti,’ a Salonicco: sapori italiani e greci per un incontro di gusto. 

‘Una faccia, una razza’. Per Pasquale Lembo non è un modo di dire, ma la sua filosofia di vita e di lavoro. Giunto in Grecia per amore, scopre anche passione per la cucina che alimentava già ai tempi dell’università (è laureato in ingegneria). Da oltre quindici anni dirige il ristorante ‘Mare e Monti’, a Salonicco. Un angolo d’Italia, in terra di Grecia: un luogo di incontro tra sapori di due culture, figlie dello stesso mare: il Mediterraneo.

Mare e Monti: ci faccia entrare nel suo locale e ci presenti la cucina.

«Volentieri. Benvenuti. La nostra cucina varia a seconda delle stagioni. Il menu cambia ogni tre mesi, e di conseguenza anche l’origine dei piatti italiani, dalla Sicilia al Veneto. Lo stesso discorso vale per i vini: in estate c’è la preferenza dei bianchi, mentre in inverno ci indirizziamo prevalentemente sui rossi».

Quali sono i piatti italiani di maggior successo per i palati greci?

«Piacciono molto gli spaghetti con frutti di mare come vongole, fasolare e cozze. È un piatto che richiama la cucina campana: aglio, olio extravergine e un accenno di peperoncino, qualche pomodorino Pachino. I frutti di mare sono saltati crudi e fatti aprire insieme agli spaghetti».

I vini più apprezzati?

«I greci prediligono due tipologie di vini: Pinot grigio e Chianti, anche se noi puntiamo a diversificare la scelta. Ora, ad esempio stiamo presentando i vini abruzzesi come il Montepulciano e il Pecorino».

Gli ingredienti utilizzati nel suo ristorante provengono tutti dall’Italia?

«L’80% sì: pasta, pomodori, salumi e formaggi da tutta la Penisola. I prodotti greci che utilizziamo sono ad esempio olio di oliva extravergine, verdure fresche».

Sapori mediterranei. Come è declinato questo concetto nel suo ristorante?

«Rappresenta un must per noi. Recentemente con lo slogan ‘Sapori mediterranei’ abbiamo promosso mozzarella, pomodoro e basilico: la bandiera di questi sapori. Abbiamo preparato, inoltre, piatti come le fettuccine alla Norma, piatto siciliano con ricotta dura, melanzane e pomodori. Prestiamo inoltre attenzione agli aromi, alle erbe come il già citato basilico o l’origano, che caratterizzano anche la cucina greca».

I clienti greci chiedono consigli, suggerimenti per cucinare a loro volta le specialità italiane?

«Certamente. Noi coltiviamo la passione della nostra cultura enogastronomica e cerchiamo di trasmetterla ai nostri clienti. Organizziamo corsi e seminari di cucina italiana, divisi in due settori: uno sui classici, l’altro su elaborazioni maggiormente creative».

Cucina italiana e greca. Come si sposano?

«Gli abbinamenti offrono risultati eccezionali, per via delle caratteristiche dei prodotti e degli ingredienti che hanno una radice mediterranea. Abbiamo unito gli spaghetti con il feta, trasformando un piatto locale a base di gamberi, pomodori, peperoni e liquore ouzo a base, appunto, di questo formaggio. Il piatto è stato battezzato ‘una faccia, una razza’. Alcune volte, però le due cucine devono rimanere distinte per offrire il meglio di sé».

Ad esempio?

«Per soddisfare le esigenze dei miei clienti io preparo la carbonara esclusivamente il 17 gennaio di ogni anno, Giornata Internazionale della Cucina Italiana. Quel giorno nel ristorante organizziamo il Carbonara Party secondo la classica ricetta: uova, guanciale, pecorino grattugiato. La consumazione è gratuita, ma chi se la perde dovrà aspettare l’anno successivo».

Lo chef Pasquale Lembo
Nato in provincia di Foggia, in Grecia dal 1993, dove per sette anni si è occupato di import di prodotti enogastronomici italiani. Dal 1998 gestisce il ristorante Mare e Monti, a Salonicco: il primo ristorante in Grecia certificato Qualità Italiana. È vicepresidente della CCIE (Camera di Commercio Italo-Ellenica).
Ristorante Mare e Monti

Giorgio Trichilo